en_GBit_IT
5/5 (1)
Il Miracolo di Sutri Tracce del Passato Etruscan

Il Miracolo di Sutri. Processione dei Bianchi, affresco Chiesa di Santa Maria a Vallo di Nera, opera di Cola di Pietro da Camerino, 1401.

Il Miracolo di Sutri

Nel 1399, nel mese di settembre, l’antica città di Sutri fu raggiunta dalla Processione dei Bianchi. Chi erano costoro?
Partiti dalla Provenza, migliaia di devoti vestiti di bianco, da cui il nome, attraversarono mezza Italia per raggiungere Roma.
Durante il cammino organizzavano digiuni, penitenze e cortei seguendo un crocefisso ligneo e gridando “Pace e Misericordia”.
La Processione dei Bianchi non era un avvenimento isolato. Cortei penitenziali si svilupparono a partire dal XIII secolo come movimenti di pacificazione.

Il Miracolo di Sutri Tracce del Passato Flagellanti

La prima manifestazione di penitenza collettiva fu quella del Giovedì Santo del 1260, promossa dall’eremita perugino Raniero Fasani.

Le processioni dei Flagellanti o Disciplinati si diffusero in altre città del centro Italia con l’intento di promuovere, insieme alla pubblica disciplina dei singoli, azioni di pacificazione e di concordia nelle istituzioni comunali.

Tra Politica e Religione

Questi movimenti di pacificazione erano ispirati dal desiderio della popolazione di porre un argine alla crisi politica che stava dilaniando l’Europa e l’Italia in particolare.
Inoltre, la Chiesa era lacerata dallo Scisma d’Occidente, la grande crisi dell’autorità papale che contrappose, per quasi quarant’anni, dal 1377 al 1417, Papi e Antipapi per il controllo del soglio pontificio.

Mentre la popolazione, dilaniata dalle guerre, chiedeva la pace e il perdono.
La lauda “Misericordia, eterno Dio” fu il canto ufficiale dell’interminabile processione dei penitenti che indossavano vesti candide di lino, la testa e il volto coperti da un cappuccio con due fori per gli occhi, sul petto avevano una croce rossa ed una cintola di corde serrava i fianchi. Procedevano dietro il Crocifisso recando alcuni, candele accese in mano, altri battendosi con una sferza, cantando e chiedendo perdono dei peccati.

La Processione dei Bianchi era un moto spontaneo che attrasse non solo il popolo ma anche le autorità ecclesiastiche e civili che speravano in un rinnovamento degli spiriti e dei costumi: a Ferrara la processione fu capeggiata dal marchese Niccolò d’Este, a Padova da Francesco Carrara, a Rimini da Carlo Malatesta e Carlo Gonzaga.

In un contesto politico-sociale così complicato le istanze di pace, delle quali il moto si fa portatore, sono accolte e fatte proprie da molti comuni le cui autorità forniscono ai Bianchi pane, vino, cera e quant’altro loro necessario.

In questo scenario apocalittico non mancò una pesante epidemia di peste.

Il Miracolo di Sutri Tracce del Passato Laude Misericordia Eterno Dio

“Misericordia, eterno Dio”

Il Miracolo di Sutri

Le ragioni della Processione dei Bianchi è ben riassunta da Giovanni Sercambi, politico e scrittore lucchese, nelle Cronache delle cose di Lucca (dal 1164 al 1424):

Essendo tucto il mondo mal disposto e di molti peccati ripieno e acto a disfare l’uno paeze l’altro, e l’uno uomo l’altro, e non ponendosi freno a neuna cosa (…) à voluto la divina bontà dimostrare certo segno per lo quale il mondo si coregha e reducasi a vero cognoscimento di Dio, acciò che ugnuno s’a¬stenga de’ peccati et virtudiosamente vivano. E poiché le signorie né i prelati né i savi non si muoveno, vuole la divina misericordia che in nelli huomini grossi et materiali si dimostri la sua potentia.
(Sercambi, Croniche, II, 290-1)

Giovanni Sercambi

Il Miracolo del Mandorlo Fiorito

Ad ulteriore sostegno della necessità di una processione penitenziale, non pochi furono i miracoli che si manifestarono durante il percorso.
Tra le varie testimonianze, la più nota è quella del Miracolo del Mandorlo Fiorito a Borgo a Buggiano (Pt) avvenuto nel 1399. Durante una processione del 24 agosto 1399 ad opera dei Fratelli della Compagnia del Crocifisso per scongiurare la diffusione della peste:

Essendo invasa la terra d’ Empoli dalla pestilenza, affine di muovere Iddio a pietà, ed insieme di schivare l’infezione contagiosa il dì 24 Agosto dell’anno stesso uscirono dalla patria con numerosissime seguito dell’ uno, e dell’altro sesso, non tanto d’Empoli, quanto dei luoghi circonvicini portando a processione il detto SS. Crocifisso in Val di Marina, e nel Mugello incontro a Fiesole e Firenze. Un giorno pertanto essendosi coricati nella campagna per ristorarsi col cibo, ed avendo perciò appoggiato il Crocifisso ad un mandorlo secco, trovarono dopo la refezione detto mandorlo tutto rivestito di fronde e fiori, per il che concepirono viva speranza che fosse cessata.

Il Miracolo di Sutri Tracce del Passato Miracolo del Mandorlo Fiorito

Maestro di San Martino a Mensola (attr., ultimo quarto del XIV secolo), predella raffigurante il Miracolo del Mandorlo Fiorito, Museo della Collegiata di Sant’Andrea a Empoli.
Il MIracolo di Sutri

Il Miracolo di Sutri e l’arrivo a Roma

Sempre secondo il Sercambi si radunarono a Roma 120.000 pellegrini, molti dei quali percorrendo la Via Francigena.
Papa Bonifacio IX, constatata la pietà che animava i pellegrini, li favorì e partecipò alla processione, soprattutto dopo la notizia di un miracolo avvenuto a Sutri, in quella che è la Cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta.

Costruita su edifici sacri etrusco-romani, l’edificio attuale risale al XII secolo e fu consacrato da papa Innocenzo III nel 1207. Dell’antica chiesa medievale rimane solo il campanile.

Il Miracolo di Sutri Tracce del Passato Etruscan Corner Crocifisso

Crocifisso ligneo, Cattedrale di Santa Maria Assunta – sec. X (Sutri)

Il Miracolo di Sutri

Il Miracolo di Sutri è descritto da Vincenzo Federici in Scritti di storia di filologia e d’arte (1908):

Il 6 settembre 1399, nella Chiesa di Sutri, mentre un umile della compagnia, un “miles Theotonicus” di nome Enrico, tentava di far riconciliare un Sutrino, Matteo Trovarie con sua moglie Giuliana […] e poiché il Sutrino era sordo alle richieste di pace, (Enrico) cominciò a pregare incessantemente il crocifisso che questo mutò colore e dal costato aperto versò sangue: nella goccia del prezioso liquido caduto sul marmo dinnanzi all’altare, apparve una faccia umana. La fama del miracolo attraversò il paese […] il vescovo Bernardino a memoria di esso ordinò al notaio Stefano di redigere regolare processo.

(Il miracolo del crocifisso della compagnia dei Bianchi a Sutri / Vincenzo Federici. 1908
In: Scritti di storia di filologia e d’arte / ed.: Vincenzo Arangio-Ruiz. – Napoli : R. Ricciardi (1908), S. 107-118)

Il 7  settembre la Processione dei Bianchi entra solennemente a Roma seguendo il crocifisso di Sutri portato dal conte Niccolò dell’Anguillara.

Bonifacio IX indisse il Giubileo del 1400 e stabilì “il perdono di colpa e di pena” a qualunque persona avesse compiuta la penitenza per nove giorni.

La peste flagellava spietatamente le contrade dell’Italia centrale nell’anno del Giubileo, travolgendo il movimento dei Bianchi.

Poche testimonianze

Di questo movimento, che coinvolse decine di migliaia di persone rimangono poche testimonianze nell’arte e nella letteratura.

Del moto restò un pallido ricordo nelle laudi, nei gonfaloni, negli affreschi giunti fino a noi. Delle laudi alcune furono tolte dal repertorio delle confraternite preesistenti, altre vennero composte per l’occasione; tutte hanno scarsissimo valore letterario. Pochi nomi di autori ci sono noti: Andrea Stefani fiorentino, Bertoldo da Montepulciano, Ugolino di Bernardo da Pisa e forse anche Franco Sacchetti. Del moto ci lasciarono notizia, oltre ai brevi cenni dei cronisti contemporanei, il Sercambi nelle sue cronache, Francesco Datini da Prato in una “ricordanza”, Luca Dominici in un ampio racconto inedito, ecc. Gerardo Anichini, amico di Coluccio Salutati, compose un carme latino (inedito) sulla scorreria dei Bianchi, offrendolo ad Antonio di Montefeltro, conte di Urbino, nello stesso anno 1399. (Gino Borghezio)

Il Miracolo di Sutri Tracce del Passato Etruscan Corner Mappa Antica Tuscia

Un corrispondente da Viterbo informa il Papa che “tutta Francia, Spagna, Brettagna passa di qui al perdono di Roma, con tanta gente che enpino le strade ”.
Il Miracolo di Sutri

Etruscan Corner

Etruscan Corner

Il progetto Etruscan Corner nasce nel 2015 da un’idea di Simona Daya Rivelli, si concretizza grazie alle competenze di Giacomo Mignani, si perfeziona con il lavoro artistico di Livia ed Elena Mignani e con la redazione curata da Francesca Marchi. Un lavoro di squadra che durante il suo percorso ha accolto e favorevolmente gradito la collaborazione di diversi appassionati dell’Etruria e della cultura di questi luoghi
Etruscan Corner

Latest posts by Etruscan Corner (see all)

Esprimi la Tua valutazione

Commenti Facebook

commenti

Pin It on Pinterest

Share This
Iscriviti alla Newsletter Etruscan Corner

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter di Etruscan Corner, riceverai notifiche sugli utimi articoli piubblicati più tutte le nostre offerte.

Grazie per esserti iscritto!