en_GBit_IT
Scritto Nella Roccia - Shuwaymis - Arabia Saudita /5

Scritto Nella Roccia

Shuwaymis – Arabia Saudita /5

Scritto Nella Roccia – Shuwaymis – Arabia Saudita /5. Di Etruscan Corner

SHUWAYMIS

Questo sito di arte rupestre si trova a 190 km a nord di Medina, a nord degli enormi campi di lava dell’Harrat Khaybar.

Prende il nome dal villaggio più vicino, Shuwaymis ma le incisioni sono in realtà 30 chilometri a ovest, all’estremità meridionale della valle Al-Makhit che corre in un’ampia direzione nord-sud e contiene una serie di antichi uadi dove l’acqua scorreva quando il clima arabo era più umido.

L’ambiente differisce significativamente da Jubbah per essere circondato da suggestive colate laviche che impediscono il viaggio, soprattutto di cammelli e cavalli.

Gli uadi, prosciugati dai cambiamenti climatici, diventano importanti strade per i pastori.

È il più grande museo di iscrizioni su pietra all’aperto della penisola arabica con un’area di oltre 50 chilometri quadrati.

Scritto Nella Roccia - Shuwaymis - Harrat Khaybar e Vulcano

arrat Khaybar, uno dei più grandi giacimenti vulcanici dell’Arabia Saudita, copre un’area di oltre 14.000 km2 a nord di Medina. Sono presenti almeno sette colate laviche post-neolitiche (meno di 4500 anni) e otto “storiche” (meno di 1500 anni). In quest’ultima categoria c’è l’importante colata lavica Habir lunga 55 km e lo stratovulcano Jabal Qidr, unico negli Harrats dell’Arabia Saudita occidentale. Un’eruzione è stata segnalata all’inizio dell’epoca maomettana durante il VII secolo d.C. Le lave di Harrat Khaybar si sovrappongono alle lave più antiche di Harrat Kura a ovest e si fondono con le lave di Harrat Ithnayn a nord.

Scritto Nella Roccia Shuwaymis

Scritto Nella Roccia - Arabia Saudita - Mappa
Arabia Saudita – Mappa

Scritto Nella Roccia Shuwaymis

La storia dei petroglifi risale al periodo neolitico. Le iscrizioni sono opere d’arte caratterizzate da immagini di esseri umani, animali e piante tra cui cammelli, cavalli, capre e palme.

Sono presenti anche immagini di uomini a dorso di cammelli, in riferimento all’attività commerciale delle carovane, e uomini e animali a grandezza naturale.

Da secoli i petroglifi di Shuwaymis erano conosciuti dai beduini locali, ma ad attrarre l’attenzione delle autorità è stato il preside di una scuola locale, Mamdouh al Rasheedi, nel 2001.

Il professor Saad Abdul Aziz al-Rashid ha definito Shuwaymis “una scoperta unica e importante”.

Molte specie di selvaggina e carnivori sono mostrate a Shuwaymis. Ci sono antiche scene di caccia con uomini che portano archi e frecce, accompagnati da branchi di cani.

Un pannello ha così tanti uomini che potrebbe indicare una caccia comunitaria organizzata, cosa piuttosto rara nell’arte rupestre araba.

Un’altra scena mostra un asino selvatico e il suo puledro cacciati da un uomo e dai suoi cani.

Anche le rappresentazioni di leopardi e ghepardi sono più comuni qui che altrove in Arabia, e c’è un’impressionante immagine di 2 metri di un leone.

Uno studio pubblicato nel Journal of Anthropological Archeology nel 2017 descrive incisioni rupestri scoperte di recente nella regione di Shuwaymis nel deserto nordoccidentale dell’Arabia Saudita, che illustrano le pratiche di caccia preistoriche, utilizzando i cani come assistenti.

I cani raffigurati assomigliano molto ai moderni cani di Canaan, con orecchie erette, code lunghe e muso corto.

Scolpito in una parete di arenaria sul bordo di un antico fiume, un cacciatore tende l’arco per uccidere. È accompagnato da 13 cani, ognuno ha un modello distintivo del mantello, il che suggerisce che gli artisti conoscessero personalmente i cani. Due di essi sembrano legati alla vita del cacciatore tramite primitivi guinzagli.

Durante i tre anni dello studio sono stati trovati oltre 1.400 pannelli di arte rupestre che mostrano quasi 7.000 animali (da leoni e leopardi a gazzelle e asini selvatici), ma questi cani potrebbero essere la scoperta più eccitante perché ci dà indizi su quando e perché i cani sono stati addomesticati dall’uomo.

Il team di ricerca ha stimato che queste incisioni abbiano circa 9.000 anni, il che le rende probabilmente le più antiche rappresentazioni di interazioni uomo-cane mai trovate.

Finora le immagini di cani più antiche erano quelle raffigurate su alcune ceramiche iraniane datate 8.000 anni, mentre immagini di cani al guinzaglio provenivano da un dipinto murale egiziano di 5.500 anni fa.

Sebbene questa arte rupestre ci dia un’idea migliore di come gli umani hanno interagito con i cani, è possibile che questi siano stati addomesticati molto prima – forse tra 15.000 e 30.000 anni fa – e il processo di addomesticamento forse è avvenuto più di una volta.

Scritto Nella Roccia - Shuwaymis - Petroglifi Cani
Uomini E Cani

Scritto Nella Roccia Shuwaymis

Scritto Nella Roccia - Shuwaymis - Petroglifi Equino
Petroglifo con un Equino

Scritto Nella Roccia Shuwaymis

Scritto Nella Roccia - Shuwaymis - Cacciatore con Cani
Cacciatore con Cani

Scritto Nella Roccia Shuwaymis

Scritto Nella Roccia - Shuwaymis - Cacciatore Cani e Leone
Cacciatore, Cani e Leone

Scritto Nella Roccia Shuwaymis

Non è noto se i guinzagli nei petroglifi di Shuwaymis siano letterali o simbolici, ma certamente suggerisce che questi cacciatori dell’Olocene avevano molto controllo sui loro cani, che alcuni cani avrebbero potuto essere più preziosi di altri e quindi tenuti più vicini.

Il guinzaglio potrebbe “essere semplicemente la rappresentazione di un legame”.

Legame chiaramente forte, poiché gli artisti sembrano aver raffigurato cani che conoscevano effettivamente, con particolari modelli di mantello, posizioni e generi.

“Queste creature erano molto importanti e amati compagni.” (Paul Tacon, Griffith University, Gold Coast, Australia).

Scritto Nella Roccia - Shuwaymis - Ceramiche Iran
Ceramiche Iraniane
1: Ciotola Sabz Phase Di Tepe Sabz; 2: Frammento Di Ciotola Sabz Phase; 3: Ciotola Chogha Mish; 4: Ricostruzione Della Raffigurazione Di Un Cane Sulla Ciotola Chogha Mish; 5: Cane Dalla Coda Riccia Da Tepe Sarab

Scritto Nella Roccia Shuwaymis

Scritto Nella Roccia - Shuwaymis - Affresco Tempio Beni-Hassan
Tempio Egiziano di Beni-Hassan. I nomi dei cani erano scritti in collari di cuoio così come in steli e rilievi. Alcuni nomi erano dei vezzeggiativi, mentre altri indicavano particolari le abilità dei cani.

Scritto Nella Roccia Shuwaymis

Scritto Nella Roccia - Shuwaymis - Cane di Canaan
Cane di Canaan

Scritto Nella Roccia Shuwaymis

CANE DI CANAAN

L’Arabia Saudita e Israele potrebbero non avere relazioni diplomatiche formali oggi, ma circa 9.000 anni fa c’era evidentemente una politica di frontiera aperta, almeno per il cane di Canaan, autoctono della Palestina.

Per molto tempo è stato un cane selvatico, che viveva ai limiti degli accampamenti beduini avvicinandosi solo per rubare qualche avanzo di cibo. Questo cane ha speciali doti caratteriali e grande capacità di apprendimento.

Scritto Nella Roccia - Shuwaymis - Petroglifo egiziano
Levrieri Egiziani

Scritto Nella Roccia Shuwaymis

Cani Egizi

Il Saluki o levriero persiano è stato allevato in Mesopotamia e successivamente introdotto in Egitto.

I levrieri Whippet, preferiti dai re egizi erano molto probabilmente erano frutto di incroci.

Il risultato è stato un cane da caccia più piccolo e più veloce.

Scritto Nella Roccia – Le Oasi dell’ Arabia Saudita

Scritto Nella Roccia – Arabia Saudita /1

Scritto Nella Roccia – Arabia Saudita /2

Scritto Nella Roccia – Arabia Saudita /3

Scritto Nella Roccia – Arabia Saudita /4

Scritto Nella Roccia – Arabia Saudita /5

Scritto Nella Roccia – Arabia Saudita /6

Passeggiate Etruscan Corner

I Sentieri della Dea

I Sentieri della Dea Etruscan Corner

Eventi in Programmazione

Etruscan Corner Equinozio Autunno 2021

Equinozio D'Autunno 2021

Domenica 19 Settembre 2021 Cascate Del Fosso Del castello Di Chia - Una Giornata per Stare Insieme e Condividere le Nostre Emozioni

Appuntamento Ore 10,00 A  Bagnaia (VT) - Parcheggio Grande

Per Info: Ariette 340 3354027

Pin It on Pinterest